Come si crea l'Elettrosmog

I campi di interferenza tecnica si formano sempre quando l’elettricità viene creata, trasportata o utilizzata. Questi campi vengono suddivisi fisicamente in due aree, un’area statica (corrente continua) ed una dinamica (corrente alternata).

La corrente continua è poco coinvolta da problemi riguardanti la salute, mentre lo è di più la corrente alternata.

Essa viene suddivisa in base alla frequenza. Nelle basse frequenze le sue proprietà elettriche e magnetiche possono essere differenziate.

Nelle alte frequenze i campi elettrici e magnetici si fondono. In questo caso si parla di campi elettromagnetici, che vengono utilizzati principalmente per la trasmissione di informazioni.

Qui però ci sono le conseguenze, la trasmissione di dati con impulsi digitali comporta rischi elevati che possono provocare gravi danni alla salute del nostro sistema nervoso.

Da un punto di vista scientifico è risaputo, che tra la superficie terrestre e la ionosfera è presente nel campo elettrico della terra una tensione di circa 200.000 volt. Tramite linee di campo elettrico avviene un’alimentazione ininterrotta di energia elettrica dalla ionosfera verso la terra. Questa energia elettrica è composta da un flusso costante di elettroni. Gli stessi elettroni contengono le informazioni biologiche che permettono la vita i primo luogo. Ed essi dispongono di una rotazione propria in senso antiorario. Tramite l’afflusso sulle linee di campo elettrico si forma come reazione un campo magnetico costante (linea di campo magnetico verticale) che si sposta dalla terra verso la ionosfera precisamente con spin proprio in senso orario.

Se i sistemi vitali vengono attraversati da energie elettromagnetiche, come descritto in precedenza, questi rimangono sani.

È molto importante menzionare il fatto che la rotazione dell’elettrone dipende dalle informazioni memorizzate nell’elettrone stesso. Prevalgono informazioni biologicamente positive, l’elettrone ruota in senso antiorario.

Purtroppo i sistemi tecnici creano campi elettromagnetici che sono l’esatto contrario. Gli elettroni ruotano in senso orario sul proprio asse, le linee di campo magnetico in senso antiorario. Questo è contro natura! La causa dell’elettrosmog è esattamente quanto appena descritto. Il corpo viene attraversato in senso contrario, e al posto di costruzione e conservazione viene prodotta degenerazione. In questo caso si parla dei cosiddetti campi di disturbo. I campi di disturbo sono zone in cui le fonti di energia presenti dei campi magnetici e le irradiazioni tecniche vengono influenzate negativamente.

Quali sono le fonti che provocato elettrosmog?

La più conosciuta attualmente è rappresentata dai telefoni cellulari, che hanno radiazioni con un’azione molto nociva. Altri fattori di disturbo all’esterno degli edifici sono le stazioni di trasformazione elettrica, le antenne di telefonia, i radar, le antenne radio/tv, le linee di alta tensione, le linee elettriche di treni, bus e tram. I fattori di disturbo all’interno dei singoli ambienti sono gli impianti elettrici domestici, i telefoni cellulari, i telefoni cordless, le unità baby control, i computer portatili, le LAN Wireless e i trasmettitori che le utilizzano. 

Accademia di

Biorisonanza

Paul Schmidt

Via Btg. Framarin 46

36100 Vicenza (VI)

tel. 334 6753999

P.IVA     0386 8480 249

   C.F.     9512 0630 249

ENTE PATROCINANTE:

 

    SINAPE